giovedì 30 settembre 2010

Sima Qian. Uomini e storie dell'antica Cina

Questa piccola segnalazione letteraria contiene sia gioia che costernazione. Ebbene, poco tempo fa mi è giunta notizia, incredibile ma vero, che la Tored, piccola casa editrice di Tivoli (Rm), ha avuto il coraggio e l'ardire di pubblicare lo Shiji di Sima Qian, con il titolo Uomini e storie dell'antica Cina.


Ho subito chiesto informazioni per il libro. Un po' di perplessità, apprendendo che non si trattava del testo integrale. Bene, in mancanza di meglio, mi sarei accontentato anche di un'antologia, purché ben fatta e significativa nella scelta del materiale. Curatori del libro erano segnalati la sinologa Ivy Sui-yen Sun e il classicista Thomas R. Martin; curatrice italiana, l'ellenista Monica Berti.


Mettermi in contatto con la meritevole casa editrice e ordinare il libro, nonostante il prezzo non certo basso (€ 34.00), è stato un attimo!



Capirete, lo Shiji, ovvero le "Memorie storiche" di Sima Qian (ca. 145-86 a.C.), è un testo fondamentale per la nostra conoscenza della mitologia e della storia cinese. Ma, seppure continuamente citato a ogni pié sospinto in tutti i libri sulla Cina che ho letto, sfogliato e studiato nel corso di tanti anni, non era mai stato tradotto in italiano prima d'ora.


Spiegare l'importanza di queste "Memorie Storiche" è quasi impossibile. Con una narrazione dettagliata e affascinante, lo Shiji copre tutta la storia della Cina dalle origini mitologiche alla dinastia Han, affrontando temi quali il rapporto tra potere centrale ed etica individuale, la natura della moralità politica, il legame tra il passato e il presente. L'opera è corredata di imponenti tavole cronologiche dove si confrontano, anno per anno, la storia dei vari regni cinesi. Vi sono poi lunghe digressioni su argomenti quali la religione, la mitologia, la riforma del calendario, i rituali, la musica, l'economia, la storia dei principali casati e, per finire, una vasta serie di biografie dei grandi personaggi del passato. Insomma, lo Shiji è l'opera che ha fondato la letteratura storiografica cinese. Vasta, impressionante, diluviale, è paragonabile per importanza alle Storie di Erodoto, e tre volte più lunga.


Pensate che il suo autore, l'astrologo imperiale Sima Qian (o Ssŭ-ma Ch'ien secondo il vecchio criterio di traslitterazione), giunto ormai a metà dell'annoso lavoro, fu accusato di avere sostenuto un generale caduto in disgrazia e venne condannato alla massima pena. Secondo la consuetudine del tempo, il condannato poteva scegliere tra il pagamento di un'ingente multa, la morte o la castrazione. Qualsiasi gentiluomo, in mancanza di denaro, avrebbe optato per una morte dignitosa e onorevole. Ma Sima Qian scelse di venire evirato, con tutte le gravissime conseguenze sociali e l'ignominia che tale mutilazione comportava, in quanto non poteva permettere che la sua opera – dedicata alla memoria del padre – rimanesse incompiuta. In un'accorata lettera, scritta all'amico Ren An, dichiarava:


"Il motivo per cui ho sopportato questo supplizio in silenzio e non ho rifiutato di farmi coprire di lerciume è stato il non poter tollerare di lasciare incompiuta una cosa di personale importanza per me; non potevo accettare di morire se questo avesse significato che i passi fondamentali del mio scritto sarebbero andati perduti per i posteri."


E dunque, come si può ignorare un libro simile?


Come potete immaginare, non appena il postino mi ha recapitato il pacco, ho subito stracciato l'involucro e, avuto il libro tra le mani, mi sono messo avidamente a sfogliarlo. Ma quant'era leggero! Centonovanta pagine? D'accordo, sapevo che non poteva trattarsi di un'edizione integrale, ma questa non era neppure un'edizione ridotta. Era... è...


Ebbene sì, Uomini e storie dell'antica Cina è una minima selezione del testo originale: undici stralci, tratti un po' a caso dai capp. 6, 8, 9, 47, 61, 65, 85, 86, 110, 126 e 129. Tra l'altro mancano del tutto i primi cinque capitoli, quelli sulle origini mitologiche della Cina.


E poi che dirvi? Il volume è molto curato e ben stampato. Ha anche un buon profumo di carta e inchiostro, nota che sembrerà banale a chiunque non sia un feticista-del-libro. La traduzione è in ottimo italiano e c'è anche una splendida introduzione. Poi, viene riportata la famosa lettera di Sima Qian a Ren An, di cui ho prima citato un brano, che da sola vale il prezzo richiesto. Infine, per chi ama la storia e la letteratura cinese, il volume è un acquisto obbligato.


In mancanza di note esplicite, immagino che la traduzione italiana sia stata effettuata su una versione inglese di Ivy Sui-yuen Sun e Thomas R. Martin; nel caso sia così, mancano il titolo e l'editore originali dell'opera. Né è chiaro se la selezione dei testi sia una scelta dell'edizione inglese o di quella italiana. Insomma, un minimo di spiegazioni sulla provenienza del materiale e sui criteri editoriali mi avrebbe un po' confortato!


Ma il difetto maggiore del libro è che, appunto, si tratta di una selezione. Fa venire voglia di leggere anche il restante 99% dell'opera, e spero proprio che un responsabile della BUR o della UTET capiti in questo blog e si renda conto che lo Shiji va assolutamente tradotto. Sappia, in tal caso, signor editore, che spenderei una cifra ragionevole per l'opera completa. Ma questo Uomini e storie dell'antica Cina non è affatto il libro di Sima Qian, ma solo un assaggino, un esempio, una demo. I suoi curatori hanno trattato lo Shiji come l'imperatore ha trattato Sima Qian... Zac! Ahia!


Detto questo, Uomini e storie dell'antica Cina è comunque una boccata d'aria fresca nel bel mezzo di un desolante vuoto editoriale. Per chi volesse ordinarlo, ecco la pagina nel sito delle edizioni Tored.

4 commenti:

  1. Seguo spesso questo blog, ma raramente ho lasciato commenti...
    Prima di tutto volevo farti i complimenti per l'ottimo lavoro che fai (e altri fanno) su Bifrost: hai la mia sincera stima per quello che giudico essere uno dei migliori siti presenti sul web (forse uno dei piu' anticonvenzionali, e quindi uno dei piu' utili).
    Cambiando discorso, e per non sembrare troppo artefatto, una considerazione sul tuo post: non sapevo nulla a proposito di questo libro e sono rimasto stupito sia per il fascino che subito mi ha suscitato, sia per come e' stato trattato in Italia; anche se forse di cio' mi sono ingenuamente stupito.
    Pensa che ogni volta che entro in una libreria che non conosco cerco una edizione completa (o parziale!!) dei Veda per ritrovarmi sempre a mani vuote.
    Sembra che l'unico modo per leggere questi testi sia aspettare una vostra traduzione!
    A presto!

    RispondiElimina
  2. Ti ringrazio per i complimenti e per l'attenzione, Tartalizza. E ti capisco, perché anch'io ho cercato inutilmente per anni, nelle librerie di mezza Italia, un'edizione seria dei Veda (è uscita ultimamente un'antologia in due volumi del RgVeda nella Bur). L'editoria italiana, ahimé, è assai poco avventurosa. Alla fine, mi sa, dovremmo pensarci noi appassionati. Ma anche noi di Bifröst, ahimé, tempo non ne abbiamo e tutto procede a rilento. Per quanto riguarda Sima Qian, speriamo di smuovere qualcosa. A presto e ancora grazie!

    RispondiElimina
  3. molto interessante. Ma noi italiani siamo molto indietro con le traduzioni.. anche la nostra REALE traduzione del genji monogatari è stata se non erro conclusa da poco... ad ogni modo sono finito qui sperando che davvero questo libro potesse alleviare un po' dei miei dolori da assenza di traduzioni e invece è solo un cerottino... mi piace il blog... io mi sto occupando di tradurre poesie del manyoshu www.jpnpoems.tumblr.com, ma è molto hoobbystico come lavoro... intanto mi godo la lettura del kokinshu :)

    RispondiElimina
  4. Segnalo la recente pubblicazione di quest'altro libro: Gli imperatori della Cina antica. Dalla creazione del mondo all'esercito di terracotta: http://www.amazon.it/Gli-imperatori-della-Cina-antica/dp/1530896665/

    RispondiElimina